Blog

I BROCCOLI : PREVENZIONE CONTRO I TUMORI


Siamo abituati a chiamare fiori solo quelli che scorgiamo in una vetrina di un fioraio o nei mazzi che ci regalano nelle occasioni speciali o quelli che raccogliamo nei giardini. Queste piante erbacee portano tanta gioia e colore nel quotidiano ma non sappiamo che ce ne sono alcuni, che erroneamente non vengono ritenuti tali, con proprietà magnifiche per la nostra salute : i broccoli. Questi fanno parte della famiglia delle Crucifere. Hanno origine asiatica, ma dopo l’importazione sono maggiormente coltivati nel sud Italia e in Grecia. Diversi studi condotti sul consumo di crucifere, evidenziano come la popolazione italiana non ne sia particolarmente attratta consumando settimanalmente solo una porzione, a differenza di quella asiatica che ne consuma addirittura otto. Sono stati raccolti dati riguardanti la popolazione giapponese in merito al tasso d’incidenza dei tumori. Essi risultano essere i più bassi al mondo, questo è dovuto al consumo di molte verdure ricche di antiossidanti e di un’alimentazione povera di grassi saturi. Composizione in 100g di broccoli crudi: 92% acqua, 3 g proteine, 0,4 g lipidi, 3,1 g di carboidrati, 3,1 g di fibra, 28mg di calcio, buone quantità di ferro e vitamine come la vitamina A, C, E, riboflavina, niacina ed ancora fenoli, sulforafano e clorofilla. La quantità di fibre è ottima, ciò facilita la normale regolarità intestinale interferendo anche sulla salita della glicemia e sulla captazione del colesterolo, promuovendone l’eliminazione. Purtroppo, questo tipo di fibra, è parzialmente digerita dal nostro intestino crasso, dunque la flora intestinale produce gas causando meteorismo e gonfiore. Le persone che soffrono di intestino irritabile e gastrite dovrebbero stare accorti sul consumo di questo vegetale. I ricercatori sono molto attratti da questa fioritura erbacea, infatti, è stato riscontrato che essendo presenti la vitamina C ed i glucosinolati, potenti antiossidanti, l’ossidazione della membrana cellulare viene rallentata, se non bloccata, abbassando cosi le possibilità di formazione di placche arteriose causa di ictus e infarti. L’odore particolare, talvolta sgradevole, emesso dalle brassicacee, è dovuto alla presenza di zolfo. E’ stato scoperto che proprio il sulfurato svolgerebbe un’azione preventiva contro il cancro ed inoltre depura il fegato spazzando i grassi che vi si accumulano, per tale motivo sono indicati per coloro che soffrono di steatosi epatica. I broccoli eliminano molti rifiuti dell’organismo, combattendo la ritenzione idrica che tanto spaventa le donne e contenendo beta-carotene promuove un’azione antiaging. Credo sia giusto sottolineare un’ulteriore cosa, che potrebbe essere utile a coloro che soffrono di iperuricemia e malattie tiroidee. Le Crucifere contengono molte purine che potrebbero creare effetti negativi riguardanti la prima patologia, ed inoltre, richiedono un aumento dello iodio in circolazione può influire con l’assunzione di euterox, cura somministrata ai soggetti tireopatici. Concludo sottolineando l’importanza dell’assunzione di verze, broccoli, cavoli, cavoletti di Bruxelles di tutte le varietà combattendo cosi l’insorgenza di tumori e prevenendo le patologie cardiovascolari.

Dott.ssa Tiranti Giulia

BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Posts in Evidenza
Archivio
Seguitemi
  • Grey Facebook Icon